La voce dell’Albero

Tu non sei i tuoi pensieri, non sei la tua immagine, non sei identificabile nei ruoli che hai scelto o che la vita ti ha assegnato.
Tu sei tu, semplicemente.

Inaspettato…

Sarà un gesto inaspettato

Un viso sconosciuto

La fede che avevi perso e hai ritrovato

Un nuovo inizio

Tutto è possibile

Ma tu non lasciare che il coraggio sbiadisca

Mai

Un nuovo sentire

Non c’è più filtro tra uomo e natura, non ci sono veli, né separazioni, c’è legame, comunione, connessione…

Ho voglia di te

Ho voglia di amarti senza condizioni
senza se e senza ma
solo io e te, qui e ora,
nel presente e nell’eternità…

Sono impedita, ma…

Quanto diverso è il nostro mondo, basta così poco e le nostre orbite non si incontrano più, deragliano tangenti impazzite che faticano a rimanere ancorate alla realtà.

E vi immagino…

E vi immagino.
Fate semplici e buone a tratti guerriere agguerrite e crudeli. Sfaccettature di un ‘anima che cambia…
che si espande, si contrae.

Lettera ad un amore

Amore mio, eccomi qua… come sai non mi è mai piaciuto scrivere perché ho sempre pensato che parlare fosse l’unico modo per comunicare fra due persone.

Amica malattia

Bionda. Alta. Lineamenti spigolosi. Platelet, o meglio Platty come tutti la soprannominavano, forse un po’ soprapensiero arricciò il naso.

Il sogno

Si è staccata da un albero radicato vicino al bordo del fiume, non perché fosse trascinata dal vento, si è staccata volutamente, spinta da qualcosa dentro di lei…