E vi immagino…

Vi vedo volteggiare a braccia alzate, leggere,

i piedi scalzi vorrebbero tanto lasciare quel pavimento che per gravità vi tiene giù
ma lo spirito volteggia una spanna più in alto
e si libera leggero da tutto il peso e vola…

Gli occhi chiusi.

Oltre le ciglia si rincorrono immagini inviolate
e che rimarranno sconosciute a tutti gli altri.

Il cuore che accelera al ritmo di uno strumento a percussione che inonda ogni pensiero di musica atavica e primordiale.

Le mani aperte libere di volteggiare dove il vento del piacere non trova ostacolo oltrepassa leggero volando altrove

E vi immagino.
Fate semplici e buone a tratti guerriere agguerrite e crudeli.

Sfaccettature di un ‘anima che cambia…
che si espande, si contrae.

Ora su ora giù

dentro o fuori

grandi e piccole.

Ambivalenze che si rincorrono paiono disperdersi impossibilitate a ricongiungersi
ma che poi si ritrovano danzando nella luce e nel placido scorrere del tempo.

E tornate ancora giù

Ritrovate voi stesse, risentite il pavimento,
la pelle sudata, una pace infinita.

Il respiro torna a chetarsi, qualche residuo di un sogno…
di un dove, di un quando,
evapora piano piano.

Riaprite gli occhi ora

le cose vi appaiono diverse, più chiare

i rumori più forti, gli odori più acuti

Possibile?

Vi risentite un po’ più nuove,
pronte a nuove sfide
ancora e ancora

e io con voi…

In fondo in fondo, solo

Cornelia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Crea la tua formula magica!

Scarica gratis l’Esercizio delle 9 Parole e ricevi gli aggiornamenti sulle attività di Scrittura Senza Censura.