Storie di Donne

Donne che hanno scelto di partecipare ai webinar e ai laboratori di Scrittura Senza Censura. Donne che hanno scelto di raccontarsi senza più timori e nessuna paura.

Raccontarsi è un atto creativo, raccontarsi è un gesto ribelle, e per essere ribelli serve il coraggio di perdere la corazza che ci tiene al sicuro, è come denudarsi ed esporre la nostra pelle, con il rischio di sentire freddo o troppo caldo, di essere graffiate ma… anche accarezzate.

Già, accarezzate, con i webinar e i laboratori di Scrittura Senza Censura abbiamo imparato che esporsi ci libera, che non è pericoloso come pensavamo, abbiamo scoperto che raccontare la nostra storia è come tornare a respirare dopo l’apnea.

Esporre la propria pelle fa paura ma ci permette di sentire tutto, e di capire come vogliamo essere accarezzate, abbracciate e amate. Cominciando a farlo da sole, senza aspettare nessuno. Trasformando le sensazioni in storie da condividere, in poesia, in parole d’amore…

E se qualcuno mi invita? Sarò goffa, pesterò i piedi ma trabocca il mio cuore del ritmo della musica.
Danzo su ardenti braci di rabbia e sangue musica antica delle mie genti
Amelia l'etichetta di famiglia non si stacca. Ad Amelia non piaceva tanto stare in riga
Prigioniera nei suoi sentimenti, impartiti da chi ha guidato i suoi passi, oggi cerca di dare una risposta a quella fanciulla
Acqua che scorre vorticosa, a guardarla dal ponte dà il capogiro, ponte che unisce le sponde, ad attraversalo tutto occorre tempo.
Tu non sei i tuoi pensieri, non sei la tua immagine, non sei identificabile nei ruoli che hai scelto o che la vita ti ha assegnato. Tu sei tu, semplicemente.
Il peggio era passato, se lo era lasciato alle spalle e mai più si sarebbe voltata indietro per vedere cos’era rimasto.
Qui l’acqua scorre lentamente, creando forme e percorsi, arricchendosi di esperienza e tesori invisibili, da portare alla luce più avanti, quando sarà arrivato il giusto momento.
Non c’è più filtro tra uomo e natura, non ci sono veli, né separazioni, c’è legame, comunione, connessione…
Ho voglia di amarti senza condizioni senza se e senza ma solo io e te, qui e ora, nel presente e nell'eternità...
Sceglierò qualcosa di morbido, colorato, con un bel suono. Voglio essere la sua nonna preferita. E fantastico, fantastico qui sulla mia poltrona...
Quanto diverso è il nostro mondo, basta così poco e le nostre orbite non si incontrano più, deragliano tangenti impazzite che faticano a rimanere ancorate alla realtà.

Crea la tua formula magica!

Scarica gratis l’Esercizio delle 9 Parole e ricevi gli aggiornamenti sulle attività di Scrittura Senza Censura.