Acqua

Piccoli spruzzi d’acqua escono dalla roccia. Sono disordinati, pieni di schiuma, getti potenti che si liberano dall’oppressione della pietra.

Poi iniziano a scorrere, si domano un poco e sfilano in modo più ordinato. La schiuma lascia il posto alla trasparenza dell’acqua, cristallina e iridescente.

Poche gocce, pochi spruzzi che, mano a mano, aumentano e diventano un fiume, poi scompaiono ancora, inghiottite dal terreno.

Formano una cascata e sprofondano in chilometri di grotte buie, tra stalattiti e stalagmiti vecchie migliaia di anni, rocce dipinte in epoca preistorica, rifugi per uomini e animali da tempi immemori.

Qui l’acqua scorre lentamente, creando forme e percorsi, arricchendosi di esperienza e tesori invisibili, da portare alla luce più avanti, quando sarà arrivato il giusto momento.

Accecata dal sole, finalmente l’acqua torna in superficie. L’uomo la viola, cercando in lei nutrimento e ristoro, derubandola delle sue creature e spargendovi elementi che non le appartengono. Rovinando in parte la sua natura.

Ma lei continua a scorrere, fino alla foce. E proprio nel punto di contatto tra fiume e mare, proprio lì, dove l’acqua non è né dolce né salata, dove non c’è più il fiume e non ancora il mare, lì avviene il miracolo.

La dualità diventa unità, la separazione fusione, è un nuovo inizio.

Simona Argiolas

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Crea la tua formula magica!

Scarica gratis l’Esercizio delle 9 Parole e ricevi gli aggiornamenti sulle attività di Scrittura Senza Censura.